in:

In manette una donna: perseguitava l’ex e la moglie, dopo che lui aveva chiuso la relazione clandestina

Michael Douglas aveva avvertito gli uomini di tutto il mondo con il film “Attrazione fatale”: una donna arrabbiata è peggio di un tornado. E se la carpigiana finita in manette non è arrivata alle brutalità di Glenn Close, ha comunque reso la vita un inferno al suo ex e a sua moglie. E di sicuro un effetto lo ha ottenuto: rendere pubblica a Carpi la relazione extraconiugale dell’uomo. Perchè lei, 39 anni, era l’amante segreta, poi lui, 36 anni, aveva deciso di chiudere per tornare a fare il bravo marito. Ma la carpigiana non ha preso bene l’inganno durato un anno e il conseguente abbandono: l’amore si è trasformato in odio e per la coppia legittima è iniziato l’incubo. Lettere minatorie, gomme dell’auto bucate, segni sulla carrozzeria, specchietti strappati. I coniugi hanno sporto denuncia per stalking, e due giorni fa, dopo indagini, controlli e pedinamenti, i carabinieri hanno colto sul fatto la persecutrice. La donna aveva appena infilato nel tubo di scappamento dell’auto dell’uomo alcuni batuffoli di cotone imbevuti di detersivo. E a quel punto per lei sono scattate le manette.


Riproduzione riservata © 2018 TRC