in:

Sospensione di venti giorni della licenza per pubblici spettacoli ai gestori della piscina Dogali

Uno screzio fra due ragazzi, sarabbe all’origine della maxirissa di sabato notte scoppiata in piazzale Tien An Men a Modena. Un ragazzino straniero sarebbe stato strattonato da un nord africano provocando la reazione degli amici. Una scintilla che ha generato un vero e proprio incendio con un centinaio di immigrati, di varie nazionalità e arrivati da diverse città del nord Italia, che ha preso parte agli scontri. E mentre le indagini sono ancora in corso, arriva il primo verdetto. Il questore ha infatti deciso di revocare per venti giorni la licenza per pubblici spettacoli ai gestori della Piscina Dogali. A darne notizia sono stati gli stessi gestori che però ribadiscono anche di essere stati loro ad avvertire le forze dell’ordine di quanto stava accadendo e che gli scontri sono avvenuti fuori dal locale. Un provvedimento che, di fatto, mette la parola fine sulle serate estive alla piscina Dogali.E’ stata invece una banale lite tra ubriachi, e non solo stranieri, quella scoppiata più o meno nello stesso momento in via Mazzoni, vicino alla stazione dei treni, ma anche in questo caso sono volati pugni e calci in abbondanza. Circa otto in questo caso le persone coinvolte, sul posto polizia e vigili urbani. Arrestato un italiano pregiudicato.


Riproduzione riservata © 2018 TRC