in:

Disastro ferroviario colposo. Il fascicolo aperto in procura per l’incidente ferroviario di ieri pomeriggio sulla Milano Bologna all’altezza di Castelfranco riporta questa intestazione. L’accusa è a carico di ignoti, ma l’ipotesi più probabile è che a disseminare il materiale ferroso investito dall’intercity sia stato un altro convoglio

La procura ha aperto un’inchiesta con l’ipotesi di reato di disastro ferroviario colposo. Il pm incaricato Marco Niccolini ha già disposto il sequestro del convoglio e si appresta a nominare un perito, un ingegnere esperto in trasporti ferroviari. Contemporaneamente, anche Trenitalia ha messo in pista i propri consulenti, per analizzare sia la motrice incidentata, sia il materiale ferroso investito dal treno e ritrovato poi all’interno della prima carrozza, i cui finestrini sono letteralmente esplosi. Il giorno dopo quella tragedia sfiorata sulla linea ferroviaria Milano-Bologna, dove all’altezza di Castelfranco, in aperta campagna, l’Intercity 590 ha centrato in pieno uno o più pezzi metallici che si trovavano sui binari, il quadro su quanto possa essere accaduto si fa un po’ più chiaro. L’ipotesi più probabile è che un treno che precedeva l’intercity abbia perso del materiale ferroso, investito dalla motrice, poi schizzato in alto e quindi risucchiato dal treno, che stava procedendo verso Modena. Pezzi finiti in parte sul lato destro della carrozza appena dietro alla motrice e scagliati all’interno di essa dopo aver mandato in frantumi i finestrini. È andata bene, tutto sommato. Il bilancio è infatti di 8 feriti lievi, medicati in ospedale, e di un’altra trentina di persone valutate sul posto. Massiccio l’operato per la centrale operativa di Modena Soccorso che, per l’occasione, ha attivato il piano d’emergenza interno relativo alla gestione di eventi complessi. Interrogato, il macchinista ha riferito alle forze dell’ordine di aver notato che c’era qualcosa sui binari: ha provato in tutti i modi a fermarsi ma ormai non c’era più il tempo necessario e così il treno ha “investito” il materiale metallico. L’ipotesi più probabile, come detto, è che la ferraglia fosse caduta sui binari da un altro treno: tubo e pezzi di ferro sarebbero stati persi da un merci o da un carico specifico in transito.


Riproduzione riservata © 2018 TRC