in:

Alla ricerca del canguro perduto. Insolita caccia, ieri, nelle campagne intorno a Migliarina di Carpi

“Pronto? Mi ha appena attraversato la strada un canguro”. Passi la prima telefonata, il caldo a volte può giocare brutti scherzi, ma già alla seconda segnalazione sono partite le ricerche. Alla fine il canguro c’era davvero nelle campagne intorno all’abitato di Migliarina di Carpi. Un bel esemplare di razza wallaby, la più piccola che esiste. Un animale innocuo, che non morde e non graffia, ma che di certo non capita tutti i giorni di vedere, anzi. Era scappato dal circo Togni, in questi giorni con base operativa a Rio Saliceto. Era in un recinto, ma è riuscito ugualmente ad evadere (probabilmente con un grande balzo) e, approfittando della libertà ritrovata, si è messo a saltare di qua e di là, attraversando strade e campi. Avvistato da alcuni cittadini increduli, il marsupiale è stato poi catturato dagli uomini della Forestale, dopo un breve inseguimento tra vigneti e canali irrigui. Un safari decisamente insolito, quello andato in scena nella campagna carpigiana, che potrebbe costare caro al proprietario dell’animale: sono infatti in corso gli accertamenti per ravvisare eventuali responsabilità ed omissioni in merito alla fuga dal circo del vivace canguro.


Riproduzione riservata © 2018 TRC