in:

20 anni di carcere per don Giorgio Panini, per aver ucciso, la vigilia di Natale del 2009, l’amico di sempre Sergio Manfredini. Oggi pomeriggio è stata letta la sentenza.

Don Giorgio Panini è stato condannato a 20 anni di carcere. Questa la sentenza del giudice Domenico Truppa, che ha concesso le attenuanti generiche e ha escluso la premeditazione, dopo una camera di consiglio durata un paio d’ore. Il processo si è chiuso oggi, dopo una lunga arringa da parte della difesa. Dopo che ieri Antonio Sarzi Amadè era entrato nello specifico della perizia psichiatrica, contestando le conclusioni del perito del Tribunale, oggi Domenico Giovanardi ha parlato per circa sei ore, tentando di smontare punto per punto il castello accusatorio. Al termine la difesa ha chiesto l’assoluzione dell’imputato per vizio totale di mente o, in subordine, il vizio parziale. Don Giorgio Panini uccise l’amico di sempre, e nella cui casa viveva, Sergio Manfredini, la notte della vigilia del Natale 2009. In tutti questi mesi non è mai stato in grado di ricordare l’accaduto e nemmeno di fornire un movente per l’aggressione, che alla fine aveva coinvolto anche la moglie e il figlio della vittima. Ieri mattina, davanti al giudice Domenico Truppa, il parroco di Brodano di Vignola in lacrime aveva chiesto perdono per le sue azioni. Un pentimento che non aveva commosso la pubblica accusa che aveva invece formulato la richiesta dell’ergastolo. La condanna, alla fine, è stata più mite, anche in virtù del fatto che don Giorgio aveva quasi subito risarcito quanti erano stati coinvolti nella vicenda.


Riproduzione riservata © 2018 TRC