in:

Persecuzioni, minacce e anche incendi: un italiano 60enne e un rumeno di 25 anni sono stati arrestati. Perseguitavano l’ex compagna del mirandolese, nonchè cugina dell’immigrato.

Arrestati, su ordine di custodia cautelare, dalla polizia del commissariato di Mirandola, un italiano di 60 anni e un rumeno di 25, accusati di stalking, rapina e incendio doloso. I due uomini, da qualche tempo, perseguitavano la cugina del più giovane, dopo che la donna aveva interrotto la relazione con il 60enne rifiutandosi però di lasciare la casa di Mirandola dove avevano vissuto. I due, a quel punto, prima rapinarono un famigliare della ragazza, per prendere le chiavi dell’appartamento, che poi svuotarono. Dopo minacce alla donna cadute nel vuoto, e relativa denuncia da parte di lei, i due diedero fuoco a un’auto credendola quella del nuovo convivente della rumena, poi – sospetta la polizia – diedero fuoco anche alla vettura giusta. Alla fine per gli uomini sono scattate le manette. Indagini sono ancora in corso. Rapina in banca a CastelfrancoRapina in banca, questa mattina alle 11 circa, a Castefranco Emilia. Un malvivente, con un passamontagna sul volto, è entrato nella filiale di viale Martiri del Banco San Geminiano e San Prospero. Ha minacciato i presenti, senza però mostrare armi, e si è fatto consegnare 6mila euro, il contante delle casse. L’uomo è poi scappato in scooter, assieme a un complice che lo aspettava all’esterno, indagano i carabinieri.


Riproduzione riservata © 2018 TRC