in:

E’ ricoverato a Baggiovara in condizioni molto gravi, il rumeno di 24 anni che ieri sera è stato investito all’incrocio tra via Canaletto Sud e via Monari.

E’ ricoverato in neurorianimazione dell’ospedale di Baggiovara il rumeno di 24 anni che ieri sera è stato investito all’incrocio tra via Canaletto sud e via Monari. Il giovane era in bicicletta, è stato urtato da una Nissan Micra. A seguito dell’impatto l’immigrato è caduto a terra riportando numerose ferite, è stato accompagnato in nosocomio dall’ambulanza inviata dal 118. Il 24enne è in prognosi riservata, le sue condizioni sono considerate molto gravi, soprattutto a causa delle lesioni alla testa. Sul posto per i rilievi la polizia stradale. A Baggiovara il 70% dei feriti per sinistro stradale. Nel 2008 sono stati 298 i traumi gravi arrivati in ospedale, il 70% provocato da incidenti stradali. Un dato di fatto stabile dal 2006. Lo scorso mese di luglio sono stati 45 i pazienti di questo tipo, un terzo ha un’età tra i 20 e i 40 anni. La buona notizia è che calano i decessi, nel modenese la sopravvivenza dopo un mese è del 93%, la media internazionale è dell’85%. Il dato dipende dagli aumentati sistemi di prevenzione, come casco e cintura, ma anche dall’istituzione dei Trauma team che hanno incrementato i livelli di cura dei pazienti.Da oggi in vigore le ultime modifiche al Codice della Strada.
Nell’arco di dieci anni è calato il numero degli incidenti stradali: è diminuito il numero dei feriti e si è più che dimezzato quello delle vittime. La conferma viene dal progetto Mister, il monitoraggio della regione Emilia Romagna: nel 2001 a Modena morirono sulle strade 116 persone, nel 2009 le vittime sono state 50. ‘Si tratta – spiega l’assessore provinciale Egidio Pagani – del risultato di un’efficace attività di prevenzione realizzata in questi anni, con interventi strutturali e campagne di sensibilizzazione. La maggioranza di incidenti e di feriti si registra in ambito urbano, a causa della maggior densità di auto in circolazione, mentre gli incidenti più gravi si verificano sulle autostrade e sulle strade extraurbane, per la maggiore velocità. Nel 2009 sono stati più di 1600 gli incidenti che hanno visto coinvolti i cosiddetti utente deboli, ossia pedoni, ciclisti e motociclisti, 29 quelli mortali. L’assessore Pagani riconosce il grande lavoro sulle strade delle forze dell’ordine e sottolinea l’importanza di un programma di controlli per contribuire ad aumentare la disciplina di chi si mette al volante. E il ferragosto 2010 è all’insegna delle nuove norme del Codice della strada, ormai tutte operative dopo quelle entrate in vigore a fine luglio, norme che riguardano il consumo di alcol e le microcar, ricordiamo ad esempio la tolleranza zero per i neopatentati, per i giovani fino a 21 anni e per i guidatori professionali (compresi coloro che sono alla guida di un’auto che trasporta una roulotte). Tra i provvedimenti che entrano in vigore oggi c’è la possibilità di personalizzare le targhe, come già succede negli Stati Uniti, la notifica dei verbali entro 90 giorni, la possibilità di ottenere il foglio rosa a 17 anni e l’obbligo per gli stranieri di pagare immediatamente la multa, pena il fermo dell’auto. Ai conducenti sorpresi alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti potranno essere confiscate le auto.


Riproduzione riservata © 2017 TRC