in:

Ancora un caso di stalking: a Castelfranco è stato arrestato dai carabinieri un 48enne che tormentava l’ex compagna.

Stava per passare dalle parole ai fatti. Aveva cominciato a tormentare l’ex compagna dallo scorso dicembre, da quando lei aveva deciso di troncare la relazione. Una storia iniziata pochi mesi prima, da subito però problematica, in mezzo c’erano anche i due figli che la donna, una 40enne di origini africane, aveva avuto dal primo marito, due adolescenti che mal sopportavano il nuovo compagno. Lui, un 48enne di Castelfranco C.G.), con piccoli precedenti, non voleva assolutamente rassegnarsi alla fine della storia. Così aveva cominciato a perseguitarla, praticamente ogni giorno: sms minatori, messaggi lasciati sulla segreteria telefonica, piazzate sotto casa. Un amore finito male, ma la donna non si era fatta intimorire, da dicembre aveva presentato già due denunce nei confronti del suo persecutore. E ieri il fatto più grave: l’uomo si è presentato dalla donna brandendo un mattarello da cucina e urlando nuove minacce. La modenese, spaventata, ha allora chiamato i carabinieri: i militari, subito intervenuti, sono riusciti a calmare l’uomo e a convincerlo ad allontanarsi. Ma la tregua è durata poco: dopo un quarto d’ora il 48enne si è ripresentato davanti a casa. Questa volta ha cercato di nascondere l’utensile sotto la maglietta. Un sotterfugio del tutto inutile, la donna più che mai preoccupata ha chiamato di nuovo il 112 e per l’ex compagno sono scattate le manette. Per lui l’accusa è di porto di strumenti atti a offendere e atti persecutori, ovvero stalking, reato che sta diventando sempre più diffuso anche nel modenese.Arrestati due ladriUn agricoltore, che ha un’azienda in via Munarola, ad Albareto di Modena, ieri sera rientrando ha notato alcune taniche vicino al pozzo-serbatoio dove conserva il gasolio da trattore che vende. L’uomo ha subito chiamato la polizia, e gli agenti controllando la zona hanno visto un 40enne di Castelfranco con un passamontagna sul volto. L’uomo ha cercato di giustificarsi dicendo che stava facendo jogging, ma alla fine ha ammesso di aver tentato di razziare il carburante e di aver anche rubato il furgone su cui voleva caricare le taniche. E’ stato denunciato. E i carabinieri di Formigine hanno arrestato un 46enne del posto, pregiudicato, sorpreso, ieri sera, all’interno di un’azienda agricola di via Stradella. L’uomo aveva forzato l’ingresso con l’intenzione di rubare oggetti di valore, ma ha fatto scattate l’allarme che ha fatto arrivare i militari.  


Riproduzione riservata © 2017 TRC