in:

E’ accaduto ieri pomeriggio a San Damaso. Autore della bravata un moldavo di 26 anni che collaborava con l’autolavaggio in cui l’auto, ancora da immatricolare, era stata portata a lavare. Le altre news.

Prende senza permesso una Porsche dall’autolavaggio e provoca un incidente in cui la costosa automobile, ancora da immatricolare, va compeltamente distrutta. E’ successo ieri pomeriggio alle 15 all’incrocio tra via Scartazza e via Collegarola. Autore della bravata un moldavo di 26 anni, in attesa di regolarizzazione. Gli agenti della municipale intervenuti per i rilievi di legge hanno denunciato il moldavo per guida senza patente (non aveva mai ottenuto la licenza) e per guida in stato di ebbrezza: il tasso alcolemico era doppio rispetto ai limiti consentiti. La Porsche era stata portata all’autolavaggio da un addetto della concessionaria prima di essere consegnata al proprietario. Il moldavo, tra l’altro, collaborava con l’autolavaggio in attesa di rilevarne la gestione. Un vaso di "marija" spunta in giardinoUna pianta di marijuana alta un metro e piantata in un vaso è stata trovata a Cognento in campagna vicina ad un gruppo di case. Ad accorgersene è stato un residente che ha chiamato le forze dell’ordine. Probabilmente qualcuno ha pensato di sbarazzarsene perchè scoperto a coltivare la cannabis proibita dalla legge.Infortunio Inalca, ‘Più sicurezza’E’ ancora in progni riservata l’operaio di 53 anni che, ieri pomeriggio, ha subito l’amputazione del braccio destro a causa di un infortunio sul lavoro all’Inalca di Castelvetro. Già ieri l’uomo era stato operato al Policlinico di Modena dallo staff del prof. Luigi Celli che ha provveduto a consolidare la ferita. A seguito dell’infortunio, oggi i segretari delle organizzazioni provinciali degli alimentaristi hanno incontrato le Rsu aziendali e i lavoratori del reparto “Hamburger”. I lavoratori hanno segnalato una serie di possibili criticità nell’ambiente di lavoro, fattori che ora verranno analizzati con la direzione di Inalca Jbs. I tecnici aziendali sono già al lavoro per verificare tutte le misure di sicurezza. ‘Questo infortunio ci insegna che non si deve mai abbassare la guardia in tema di sicurezza’ – hanno ribadito gli alimentaristi di Cgil, Cisl e Uil. Furto di rame, arrestato 65enne 
Furto di rame ieri sera intorno alle 21.30 al deposito di stoccaggio della ditta CromoDuro in via Nicolò Biondo a Modena. Quattro uomini a bordo di un furgone bianco cammuffato da corriere sono entrati nello stabilimento, caricando barre di rame e scarti di lavorazione del cromo per un valore di 3mila euro. A chiamare le forze dell’ordine sono stati alcuni abitanti della zona in cui si trova l’azienda che si occupa di lavori di cromatura e lucidatura. Sul posto è intervenuta la polizia che ha fermato uno dei malviventi, un bosniaco di 65 anni, con precedenti. L’uomo è stato processato per direttissima per furto aggravato e dovrà scontare 10 mesi di carcere. Rapinatore arrestato a CataniaE’ stato arrestato a Catania uno dei tre rapinatori che, il 3 novembre del 2009, misero a segno un colpo all’agenzia di Carpi della Banca Popolare di San Felice, bottino superiore ai 45miola euro. Si tratta di Francesco Guardo, 19 anni, incensurato. Malgrado la giovane età, Guardo è ritenuto dagli inquirenti il capo della banda. In carcere erano già finiti i complici, arrestati dalla polizia poco dopo la rapina: un 17enne e Giuseppe Borchiero di 22 anni, tutti siciliani.


Riproduzione riservata © 2017 TRC