in:

Stava pulendo un proiettile della seconda guerra mondiale: l’ordigno è esploso e una scheggia gli è entrata nell’addome. Versa in gravissime condizioni un idraulico 59enne di Ravarino. Nella sua casa i carabinieri hanno trovato un vero arsenale.

Ieri nel tardo pomeriggio Oscar Balboni, 59 anni, idraulico, che vive con moglie e figlio in via Allende 73, a Casoni di Ravarino, stava lavorando in cortile. Ma stava facendo una cosa pericolosissima: ripuliva, usando una spazzola a motore, un proiettile della seconda guerra mondiale. L’ordigno è esploso: ha devastato le mani dell’uomo, una scheggia gli è entrata nell’addome, un’altra è arrivata in faccia. I vicini e i famigliari hanno sentito una forte esplosione, le grida e hanno chiamato i soccorsi. Nell’abitazione dell’idraulico i carabinieri hanno trovato un vero arsenale. Tra rottami di ogni genere, accatastati in giardino e in casa, sono spuntati decine e decine di fucili, centinaia di proiettili, ma anche bombe a mano, da mortaio, da aereo. Tutte armi e ordigni risalenti alla Seconda guerra mondiale, e naturalmente tutte detenute illegalmente. Lo stabile è stato sgomberato, sul posto sono arrivati gli artificieri, che continueranno a rovistare tra cassette e arredi anche domani. La casa resterà sigillata fino alla fine. Oscar Balboni è ricoverato a Baggiovara, le sue condizioni sono gravi e rischia anche l’arresto. Strade pericolose, tre incidenti Dopo il tragico incidente di ieri a Scortichino di Bondeno, in cui ha perso la vita il 35enne motociclista finalese, Luca Benatti, oggi ci sono stati altri tre incidenti, fortunatamente con altre conseguenze. In via Dogaro a Cà dei Coppi di Camposanto, una 26enne è finita fuori strada con la sua Fiat Marea, ribaltandosi più volte e finendo la sua corsa contro un palo della luce in cemento. Soccorsa dai vigili del fuoco e dal 118 è stata estratta dalla vettura e trasporta in elicottero a Baggiovara. Le sue condizioni sono gravi. E’ andata decisamente meglio ai quattro occupanti l’auto che questa mattina a Pavullo è precipitata in una scarpata, a salvarli il pronto intervento dei vigili del fuoco. Ferite lievi anche per le tre persone a bordo di una Citroen che ieri sera, verso le 22,30, sono letteralmente piombate sull’autostrada. Mentre percorrevano il cavalcavia sull’A1 di Castelfranco, infatti hanno perso il controllo dell’auto, ma fortunatamente in quel momento non passava nessuno e si sono così salvati.


Riproduzione riservata © 2017 TRC