in:

Medici, forze dell’ordine e camper contro droga e alcool. La notte scorsa ha preso il via un progetto di interventi integrati di prevenzione e controllo della guida sotto l’effetto di sostanze.

Un camper di medici, che consente di svolgere accertamenti senza ricorrere a laboratori di analisi, da ieri sera e fino a febbraio del prossimo anno, affiancherà le forze dell’ordine sulle strade di Modena per accertare l’uso di alcoolici e sostanze stupefacenti da parte di automobilisti e motociclisti. L’operazione della scorsa notte ha dato avvio al progetto di prevenzione e controllo, denominato “Drugs on street, coordinato da Comune e Prefettura su iniziativa del dipartimento politiche antidroga della presidenza del Consiglio dei ministri, presentato questa mattina in Prefettura. Troppi continuano ad essere gli incidenti stradale gravi e mortali, sia a livello nazionale sia a livello locale. Tutti d’accordo sul fatto che la prima forma di prevenzione sia la repressione. Nella notte trascorsa, da prima della mezzanotte alle 5 del mattino, sono stati fermati oltre 300 veicoli. Sono state ritirate 22 partenti dopo l’alcool test. Dei 15 conducenti inviati all’unità mobile del Sert per accertamenti sull’uso di droghe, solo 2 sono risultati positivi. Il progetto coinvolge tutte le forze dell’ordine, l’azienda sanitaria e ospedaliera, il Sert e la Motorizzazione civile. Operazione antidroga delle Fiamme Gialle E durante i controlli svolti la scorsa notte, la Guardia di Finanza ha portato a segno un’importante operazione sequestrando sei chili di hascisc, uno di cocaina, 1.240 euro in contanti, 5 cellulari e una pistola con 33 cartucce. La droga e il resto erano nascosti all’interno di una vettura fermata lungo la Nazionale per Carpi. In carcere due italiani originari del foggiano.


Riproduzione riservata © 2017 TRC