in:

Due elettricisti di Finale Emilia sono morti ieri pomeriggio a Poggio Renatico, nel ferrarese, vittime di un incidente stradale. Mario Bollini, 50 anni, e Alex Borghi, 22 anni, erano a bordo di un furgone che si è schiantato contro un autoarticolato. Tutte le news di cronaca.

Due elettricisti di Finale Emilia sono morti ieri pomeriggio a Poggio Renatico, nel ferrarese, vittime di un incidente stradale. Mario Bollini, 50 anni, di Massa, e Alex Borghi, 22 anni, entrambi elettricisti, erano a bordo di un forgone che si è schiantato contro un autoarticolato. Lo scontro è avvenuto sulla superstrada Cispadana, teatro anche di recente, di gravi incidenti. Bollini e Borghi lavoravano per una ditta di Cento di Ferrara. Da alcuni giorni erano impegnati in un cantiere a Budrio di Bologna. Mario Bollini lascia la moglie e due figli. Alex Borghi abitava con i genitori. Ancora da fissare la data dei funerali. Guida auto sequestrata, denunciato Un carpigiano di 47 anni, ieri, si è messo al volante della sua lussuosa Bmw 320, pur sapendo che la vettura era sotto sequestro amministrativo da maggio 2010. Ma l’uomo è stato sorpreso poco lontano da casa, in via Trecciaiole, dai carabinieri: il veicolo è stato di nuovo posto sotto sequestro e l’automobilista è stato denunciato. Sospesa anche la patente. Al lavoro su un auto, il ladro ringrazia Stavano lavorando su una Renault Megane berlina, quindi l’auto era aperta, quando si sono distratti un attimo per andare a prendere alcuni attrezzi. Ma un malintenzionato ha subito approfittato del momento libero per salire sulla vettura e sparire. E’ accaduto questa mattina al concessionario Renault di via Emilia ovest: sul furto indagano i carabinieri. Ruba al market: beccato, si spoglia E’ entrato in un supermercato di via Falcone, a Camposanto, e cercando di non farsi notare si è messo in tasca alcuni prodotti presi dagli scaffali. I dipendenti però si sono accorti delle manovre del nordafricano 50enne e si sono avvicinati all’uomo. Per tutta risposta lo straniero ha cominciato a insultarli, ha persino minacciato di morte una cassiera e alla fine si è anche tolto tutti i vestiti. Sul posto sono arrivati allora i carabinieri: l’uomo è stato denunciato per tentato furto, minacce e atti osceni. Arrestato un mendicante molesto Chiedeva con insistenza l’elemosina nel parcheggio di un centro commerciale a Modena. Avvicinava le persone con il carrello e minacciava anche ritorsioni se non veniva concessa qualche moneta. I clienti hanno così chiamato la polizia, ma quando il nigeriano ha visto gli agenti ha scagliato contro di loro la sua bici per poter scappare. E’ stato arrestato.Sassuolo, arrestata ricercataGli uomini del commissariato di Sassuolo, ieri, hanno svolto servizi mirati in zone dove i cittadini più spesso lamentano schiamazzi, disturbi e presenze sospette. Gli agenti hanno controllato 31 persone, fra questi 18 stranieri, tutti in regola con i documenti. E’ andata invece male a una donna di 37 anni: all’atto dell’identificazione la polizia ha scoperto che era ricercata perché deve scontare una pena residua di 11 mesi, a seguito di condanna. E’ stata portata a Sant’Anna.Sventata truffa a VignolaAncora una truffa sventata all’Unicredit, questa volta nella filiale di Vignola, dove una pensionata si era recata per ritirare 5mila euro. Il cassiere, che conosceva la donna, le ha chiesto il perché dell’ingente prelievo e ha anche chiamato il direttore. L’anziana ha così spiegato che mentre parcheggiava l’auto una signora le ha gridato di essere stata urtata dalla vettura e che l’impatto le aveva distrutto un orologio di grande valore. In cambio di 5mila euro era però disposta a non presentare denuncia – ha poi detto la truffatrice – e quindi a salvare la patente della pensionata. Capito il raggiro, i soldi sono rimasti in banca e sono stati chiamati i carabinieri. 


Riproduzione riservata © 2017 TRC