in:

Un giro di Viagra e altri farmaci taroccati, venduti in internet, anche attraverso Facebook, è stato sgominato dai carabinieri dei Nas. Un indagato anche a Modena. Vandali contro Erg a San Felice. Giochi pericolosi, un  ferito.

C’è anche un modenese fra i 206 indagati nell’operazione dei carabinieri del Nas, partita da Catania, denominata “Farmastore”, che ha permesso di sgominare un’organizzazione che faceva arrivare in Italia sostanze dopanti, ma anche Viagra e contraccettivi, spesso contraffatti e pericolosi, prodotti nell’Est Europa, Romania e Moldavia, ma anche in India. I Nas di Parma hanno eseguito una perquisizione domiciliare nell’abitazione del giovane modenese, ritenuto coinvolto nel traffico. Durante l’operazione sono state sequestrate migliaia di confezioni di medicinali illegali, in alcuni casi è stata dimostrata l’assenza del principio attivo proposto, e magari sostituito da solfato di calcio, il comune gesso. Spesso i medicinali taroccati risultavano pericolosi per la salute, con effetti collaterali gravi. Per quanto riguarda gli anabolizzanti è stato accertato un dosaggio abnorme privo di controllo medico. Cinque persone sono anche state arrestate. I prodotti venivano commercializzati attraverso internet, i venditori raccoglievano le richieste dei clienti nei siti più vari, compresi i social network come Facebook e Messenger, facendo figurare gli scambi come normali trattative tra amici. Tra gli acquirenti anche molti ragazzini, oltre a donne e appassionati sportivi. Vandali contro la Erg Ignoti, ma che di certo sono contrari alla costruzione del deposito di gas di Rivara, hanno tagliato le gomme delle pompe di benzina, e poi le hanno cosparse d’olio, del distributore Erg di San Felice. Prima di andarsene i vandali hanno lasciato la scritta: “Ers fermati, no gas a Rivara”. Immediata la condanna del sindaco di San Felice, Alberto Silvestri, e del presidente dell’Unione comuni area nord, Carlo Marchini, che parlano di “gesto vergognoso ai danni di un onesto lavoratore”. Giochi pericolosi, un ferito E’ ancora tutto da chiarire l’episodio accaduto ieri sera a Casinalbo di Formgine, quando un ragazzino di 14 è rimasto ferito al volto da un pallino sparato da una pistola da Soft air. L’adolescente si trovava con alcuni amici in via Giardini nord, vicino a una pizzeria. Ha raccontato ai genitori che a un certo punto è arrivata un’auto, una Lancia Y 10, e una persona dal finestrino ha sparato tre colpi con l’arma giocattolo. Uno lo ha ferito vicino a un occhio, medicato in ospedale il 14enne guarirà in due giorni. I carabinieri stanno ancora cercando i pallini, per verificare che siano quelli di gomma e quindi giocattoli, e aspettano di parlare con il ragazzino.


Riproduzione riservata © 2017 TRC