in:

Un paziente di 88 anni ricoverato all’ospedale Ramazzini di Carpi è morto di legionella. ‘Impianti idrici sotto controllo’ – precisa l’Azienda Usl che esprime le condoglianze alla famiglia.

Un paziente di 88 anni, già affetto da diverse patologie di particolare gravità, recentemente sottoposto a un intervento di asportazione della milza, è deceduto ieri all’Ospedale Ramazzini di Carpi. Uno specifico accertamento di laboratorio ha permesso di diagnosticare una infezione da legionella. L’Azienda Usl di Modena sottolinea che i casi di infezione ospedaliera da legionella sono un fenomeno presente in tutto il mondo. L’Azienda esprime cordoglio alla famiglia del pensionato. Le legionelle sono presenti negli ambienti acquatici naturali, ma il microrganismo si adatta anche agli ambienti artificiali. L’impianto idrico dell’Ospedale Ramazzini – continua la Asl – è stato di recente ristrutturato e viene sottoposto periodicamente a controlli, per impedire la proliferazione microbica è stato installato da tempo un sistema di trattamento specifico dell’acqua, che prevede il trattamento continuativo con ioni di argento. Da alcuni giorni sono inoltre in corso specifici trattamenti di shock termico oltre a verifiche mirate.


Riproduzione riservata © 2017 TRC