in:

Ennesimo colpo ai danni di un bancomat. Ma i ladri sono fuggiti a mani vuote. Le altre news del giorno.

E’ andato a vuoto il tentativo di scasso compiuto alla mezzanotte e trenta della notte scorsa ai danni del bancomat della filiale Unicredit, in via Marzabotto, in zona Policlinico a Modena. Ignoti hanno provocato un’esplosione all’interno del vano che dà accesso allo sportello con l’intento di raggiungere il denaro custodito nella cassaforte. Ma il forziere ha resistito allo scoppio e ai malviventi non è rimasto che fuggire a mani vuote. Quando la squadra mobile della polizia è arrivata sul posto, dopo la segnalazione di un residente che aveva sentito il boato dell’esplosione, dei ladri non vi era più nessuna traccia. Le indagini si stanno concentrando sulle immagini registrate dalle telecamere installate in zona. Rimangono i danni recati alle strutture dell’istituto di credito, ancora in via di quantificazione. Caso Ylenia, arrestato un sassoleseE’ un 47enne originario di Sassuolo ma residente a Luzzara l’uomo arrestato oggi nell’ambito della vicenda della 19enne reggiana, Ylenia Moretti, che aveva assoldato due killer per cercare di uccidere il padre. Secondo gli inquirenti, Mauro Fornaciari, attualmente disoccupato e amico di famiglia dei Moretti, avrebbe minacciato – per costringerlo a commettere l’omicidio – il secondo killer, quello che poi si è ravveduto informando i carabinieri dei tentativi messi in atto per uccidere Rodolfo Moretti, padre di Ylenia. Oltre a Ylenia, in carcere c’era già anche Davide Giorgi, 26 anni, mantovano: entrambi devono rispondere di tentato omicidio.Rapina alla Coop di Piumazzo Ancora una rapina al supermercato Coop di Piumazzo di Castelfranco Emilia, in piazza Matteotti. Intorno a mezzogiorno, due banditi, uno armato di pistola, hanno rapinato il negozio. Con il volto parzialmente nascosto, i rapinatori hanno minacciato i dipendenti e si sono fatti consegnare il denaro delle casse, circa 3500 euro. E’ il terzo colpo che il supermercato subisce nell’ultimo anno. Furto, fallito, in parrocchia  Tentato furto, intorno a mezzogiorno, nella parrocchia di via Chiesa Santa Maria di Mugnano a Modena. Dopo avere divelto un’inferriata, i ladri hanno rovistato nella stanza del diacono mettendo tutto a soqquadro. L’arrivo del diacono, Mimmo Ferrari, ha però costretto i malintenzionati a fuggire a mani vuote. E’ la sesta volta che la parrocchia viene presa di mira dai ladri. Preso il rapinatore del Conad  E’ stato arrestato dai Carabinieri di Carpi, in esecuzione di un ordine di carcerazione, l’autore della rapina messa a segno nel gennaio del 2009 ai danni del supermercato Conad di Fossoli. Il colpo fruttò un bottino di 1.500 euro, in parte recuperati dai Carabinieri. Del reato è stato riconosciuto colpevole un napoletano 50enne, S.V., residente nella città dei Pio, con precedenti penali. Per lui la condanna definitiva prevede un anno e un mese di carcere e il pagamento di una multa di mille euro. Arrestato ladro di dieselUn altro arresto su ordine di carcerazione è stato compiuto a Novi e ha interessato un 27enne del paese, C.V., pregiudicato per reati contro il patrimonio. Il giovane era stato fermato dai carabinieri nell’estate scorsa mentre sottraeva del gasolio alla ditta Aries. Sottoposto a giudizio, è stato riconosciuto colpevole e condannato a una pena detentiva di 6 mesi. Inseguimento all’autogrillPomeriggio movimentato quello di ieri all’area di servizio Secchia est, sull’autostrada A1. Un allarme per sparatoria in corso, rivelatosi poi infondato, ha fatto convergere sul posto in tempi rapidissimi diverse pattuglie della Stradale Modena Nord. L’intervento in forze della polizia ha permesso di fermare e identificare gli artefici di un tentativo di furto ai danni della macchina scambiasoldi del FiniGrill. Si tratta di quattro uomini, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, tutti di nazionalità romena e pregiudicati. Vistisi scoperti, i quattro avevano cercato di darsi alla fuga nelle campagne circostanti. Sono stati invece riacciuffati e denunciati a piede libero per tentato furto aggravato. Tunisino ferito alla SaccaProbabilmente una rissa oppure un litigio all’origine del ferimento del 31enne tunisino a cui i carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno fornito soccorso nella notte scorsa all’angolo tra le vie Canaletto e Attiraglio. L’uomo presentava ferite non gravi da arma da taglio sia alla mano che alla schiena. Medicato presso il Policlinico, è stato trattenuto in osservazione. I carabinieri di Savignano sul Panaro hanno sventato un tentativo di furto di rame e arrestato due persone, un 35enne di Spilamberto e un 27enne di San Cesario, entrambi pregiudicati. I due sono stati sorpresi alle 13 di ieri all’interno di un frantoio dimesso in via Ghandi, a Savignano, mentre cercavano di sottrarre dei cavi elettrici in rame. Nei guai ladro di griffes La passione smodata per i capi d’abbigliamento griffati è costata l’arresto a un 26 enne romeno, residente nel bolognese. Ieri pomeriggio il giovane ha cercato di sottrarre un giubbotto in pelle di Armani, del valore di 1.200 euro, dal negozio Pianeta Moda di Appalto di Soliera. Prima ha rotto la placca antitaccheggio e successivamente ha indossato il giubbotto, nascondendolo sotto il cappotto. I suoi movimenti hanno però insospettito i commessi del negozio che hanno avvisato i carabinieri. Il capo d’abbigliamento è stato recuperato e restituito al punto vendita.


Riproduzione riservata © 2016 TRC