in:

Un 40enne omosessuale perseguitato dal suo ex compagno e un ragazzo di 20 anni che arriva a minacciare la sua docente universitaria. Questi sono solo due dei tanti casi di stalking in provincia di Modena.

Atti persecutori, minacce, violenze fisiche e soprattutto psicologiche. Tutto questo è riassumibile in un solo termine: stalking. Un anno fa, il 24 febbraio 2009, veniva emanato il decreto legge, poi convertito in legge, che introduce il reato di stalking e che prevede una reclusione da 6 mesi a 4 anni. Da quel momento le richieste d’aiuto sono cresciute del 25%. 5200 le denunce in Italia, mille gli arresti: un successo che testimonia come sia stato finalmente colmato un vuoto legislativo nel campo degli atti persecutori contro la persona. Pienamente in tendenza con il dato nazionale, il reato di stalking fa la parte del leone anche nel modenese con 40 denunce. I comportamenti molesti non sembrano conoscere confini di genere; il ministro per le Pari opportunità Mara Carfagna ha dichiarato oggi che il 20-25% delle segnalazioni viene da uomini, in controtendenza con lo stereotipo della donna indifesa. Dalla Questura di Modena fanno sapere che dall’entrata in vigore della legge è stato registrato un aumento consistente di richieste di intervento per atti persecutori. La reazione di amanti respinti o abbandonati non è limitata ai rapporti eterosessuali, ma riguarda anche coppie omosessuali. Da qui il caso di un 40enne che dopo una relazione con un coetaneo ha iniziato a ricevere telefonate ed sms minatori, costringendolo a rivolgersi alla Polizia. In molti casi poi gli autori di tali comportamenti ritengono di essere loro stessi le vittime. Singolare il caso di uno studente ventenne che tormentava la sua docente universitaria arrivando addirittura a minacciarla. I dati della Questura confermano che i nuovi mezzi di comunicazione risultano essere le forme più comuni attraverso le quali si concretizza il reato di stalking, attribuendogli una veste sempre più virtuale con messaggi di posta elettronica e interazione sui social network.


Riproduzione riservata © 2016 TRC