in:

La Guardia di finanza di Modena ha scoperto un’evasione fiscale da 25 milioni di euro nel settore delle sponsorizzazioni sportive. Due i modenesi alla testa della frode e diversi gli imprenditori coinvolti. Questa volta la cartiera era all’estero.

Attraverso due società con sede all’estero, una in Inghilterra, l’altra in Irlanda, e un giro di false fatturazioni due modenesi erano riusciti ad evadere qualcosa come 25 milioni di euro. La guardia di finanza di Modena è comunque riuscita a ricostruire tutti i passaggi di questa complicata triangolazione e a denunciare una ventina di imprenditori modenesi. Altre due persone (un italiano e uno svizzero) sono state denunciate per riciclaggio, ma le indagini continuano in tutto il Paese e altri imprenditori potrebbero, presto, dover rispondere delle loro azioni. Come detto la cartiera, ossia la fabbrica delle fatture false, era all’estero, ma alla testa di tutto c’erano i due modenesi: erano stati loro a creare queste società e loro a mettere in contatto le ditte che vendevano spazi pubblicitari per i campionati Superbike e Supersport (che non hanno dirette responsabilità nell’inchiesta) e gli imprenditori che intendevano utilizzare quegli spazi. Secondo le Fiamme Gialle la frode funzionava così: le due società del Regno Unito compravano spazi pubblicitari (quelli che si mettono sulle carene delle motociclette) a prezzi stracciati, addirittura del valore di un euro, che poi rivendevano in Italia ad importi elevatissimi. Gli acquirenti pagavano regolare fattura abbattendo così il proprio reddito imponibile, ma poi, attraverso giroconti in Svizzera, in Inghilterra e in Austria, rientravano dell’80% del denaro versato. I due modenesi sono così stati denunciati per emissione di fatture per operazioni inesistenti e per omessa dichiarazione dei redditi; gli acquirenti degli spazi pubblicitari sono stati denunciati per utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Le due persone accusate di riciclaggio erano quelle che avevano il compito di fare girare il denaro su conti correnti esteri.


Riproduzione riservata © 2016 TRC