in:

Dopo quella di Ganaceto, un’altra rapina in villa è stata messa a segno ieri sera. Nel mirino dei banditi una coppia di pensionati residente a San Marino di Carpi.

Sequestrati in casa da cinque banditi incappucciati: li hanno legati, minacciati, derubati e perfino percossi. E tutto per un bottino di 150 euro. Vittime della rapina i coniugi Enzo Malavasi, 75 anni, e la moglie Luigia, detta Gilda, di 65. La coppia abita con il figlio di 27 anni in via Cavi 8, a San Marino di Carpi, appena fuori dal centro abitato della frazione, a poca distanza dal depuratore. Ieri sera i coniugi erano soli in casa. La loro odissea è iniziata intorno alle 19,30 quando il marito ha lasciato l’abitazione per recarsi nel pollaio, situato in un fabbricato sul retro dell’edificio. Favoriti dall’oscurità e dalla posizione isolata, i banditi sono entrati in azione armati di bastoni di gomma e di pistola scacciacani. Prima hanno colpito l’uomo alle spalle, per costringerlo ad aprire la porta. Poi hanno esploso un colpo e immobilizzato i due, legandoli con i fili tranciati di telefono e aspirapolvere. Dicevano di volere i soldi per la droga, cercavano una cassaforte che non c’era. Alla fine se ne sono andati con i 150 euro che la signora Gilda aveva messo da parte per le spese del week end. Quando i banditi se ne sono andati, i Malavasi sono riusciti a liberarsi e a dare l’allarme. Per loro nessuna conseguenza fisica, solo un grande spavento. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Carpi. Saranno loro a dovere stabilire le eventuali connessioni con Ganaceto, dove alcuni giorni fa si è consumata un’altra rapina dalle identiche modalità.


Riproduzione riservata © 2016 TRC