in:

Traffico bloccato a Modena ovest, e non solo, questa mattina, a causa di uno scontro fra due camion in tangenziale. Ci sono volute ore perché la situazione tornasse normale, ma non ci sono stati feriti.

Uno scontro fra due camion, avvenuto questa mattina alle 7, in piena ora di punta, ha bloccato il traffico sulla Tangenziale che collega via Emilia ovest a via Emilia est, in direzione Bologna. L’incidente, dove non si registrano fortunatamente feriti, è avvenuto tra le uscite 10 e 11: una cella frigorifera guidata da un 25enne di Sondrio ha tamponato un Iveco con al volante un 42enne di Verona. Le due motrici si sono agganciate restando in diagonale sulla strada e da un serbatoio è anche fuoriuscita nafta. Dalle 8 alle 12 la tangenziale è rimasta bloccata, le vetture venivano fatte uscire a San Cataldo. Sul posto sei pattuglie della polizia municipale e anche l’Arpa. I vigili del fuoco sono intervenuti con una gru per rimuovere i mezzi, dopo è stato necessario pulire la strada, solo oltre le 13 la circolazione a Modena ovest è tornata normale. L’incidente, infatti, ha provocato lunghe code e forti rallentamenti, traffico intenso si registrava su tutta la viabilità ordinaria a causa dei veicoli che lasciavano la tangenziale. Code anche in A1, fino all’imbocco con l’A22, per le vetture che non riuscivano ad uscire dall’autostrada. Incidenti, i dati AciE a proposito di incidenti stradali, le più pericolose sono le strade all’interno dell’abitato. L’Aci Modena ha analizzato i dati dell’ultimo anno: nella nostra provincia i sinistri sono stati 3.376, 50 le persone decedute e 4.556 i feriti. La maggior parte degli incidenti è avvenuto nei centri abitati, mentre chi utilizza l’autostrada ha una percentuale inferiore di essere coinvolto in uno scontro. Statistiche alla mano, il mese nero è luglio con 319 sinistri ma è a settembre che si sono registrati sette decessi. Nel 41% dei casi gli incidenti sono stati provocati dalla distrazione; altre cause sono da imputarsi al mancato rispetto della segnaletica stradale o della distanza di sicurezza. Meno del 3% degli incidenti è imputabile all’uso di alcol e droghe. Secondo terremoto a FinaleSeconda scossa di terremoto in nemmeno 48 ore nella zona di Finale Emilia. Questa mattina alle 8.45 i cittadini hanno avvertito una nuova scossa, dopo quella registrata alle 23.21 di lunedì. Uguale la magnitudo, 3.0, ma diversa la profondità, appena 800 metri mentre erano stati quasi tre chilometri due giorni fa. L’epicentro è stato registrato sempre tra Bondeno di Ferrara e Finale. La protezione civile assicura che comunque non sono stati rilevati danni a cose o persone. Anche i vigili del fuoco hanno eseguito alcune verifiche senza riscontrare nulla.


Riproduzione riservata © 2016 TRC