in:

Ancora un infortunio mortale in agricoltura. Questa mattina in un’azienda agricola di San Prospero, è rimasto schiacciato in un macchinario un uomo di 63 anni. E sono stati in tutto tre oggi gli incidenti sul lavoro.

Fernando Monelli, 63 anni, stava lavorando sulla pressa, collegata al trattore, che serve per comprimere le rotoballe di fieno. Il macchinario era acceso, l’uomo – che stava lavorando nell’azienda agricola del fratello – probabilmente stava facendo manutenzione, ma si è avvicinato troppo agli ingranaggi ed stato trascinato all’interno. Il contadino è morto sul colpo, schiacciato da due rulli, gli operatori del 118 hanno solo potuto constatare il decesso. L’incidente è avvenuto a Staggia di San Prospero, in via Canaletto 76, sul posto i vigili del fuoco per liberare il cadavere, oltre a carabinieri e medicina del lavoro per i rilievi di legge. Fernando Monelli lascia la moglie e due figli grandi. Solo due giorni fa era morta un’altra persona in un incidente in agricoltura: Benvenuto Magarotto, 65 anni, era stato travolto e schiacciato da una rotoballa, mentre scaricava un rimorchio in un’azienda di Campogalliano. Anche in questo caso il decesso era avvenuto sul colpo. E sempre questa mattina si sono verificati altri due infortuni sul lavoro, fortunatamente dall’esito meno drammatico. Alle 9, a Casinalbo, un operaio di 39 anni di una ditta di manutenzione, che stava lavorando sul tetto della Rcm Motoscope, di via Tiraboschi, è rimasto incastrato con una gamba sotto tegole e mattoni, riportando una frattura. E contusioni al viso anche per una donna di 42 anni, caduta da uno sgabello mentre lavorava in una ditta a Cavazzona di Castelfranco. I due operai sono stati portati all’ospedale di Baggiovara. La medicina del lavoro verificherà gli episodi.


Riproduzione riservata © 2016 TRC