in:

Strumenti di ultima generazione per catturare dati e codici di carte di credito e bancomat. Arrestati dalla stradale due bulgari che in macchina nascondevano il kit per la clonazione.

E’ stato durante un normale controllo disposto in occasione dello scorso week end, quando molte persone si sono messe in viaggio, che la polizia stradale di Modena nord ha notato un’auto, una Polo Wolkswagen, sospetta. Viaggiava sull’A22, direzione nord, è stata fermata a un posto di blocco all’altezza di Campogalliano. Sulla vettura due cittadini bulgari, legati tra loro da un vincolo di parentela, di 23 e 42 anni. Assieme alla polizia postale, gli agenti della stradale hanno perquisito la vettura, e nell’abitacolo hanno trovato apparecchiatura elettronica in grado di rilevare codici e dati di carte di credito e bancomat. Era attrezzatura artigianale, ma comunque di ultima generazione, con tanto di lettore ottico a bande magnetiche e telecamera dotata di memoria. In questo modo i due erano in grado di riprodurre le carte e quindi poi svuotare i conti correnti. I due stranieri sono stati arrestati. Sono invece stati denunciati due rumeni, trovati ieri sempre sull’A22, che su un furgone nascondevano un motore da fuoribordo rubato.


Riproduzione riservata © 2018 TRC