in:

Nuova truffa questa mattina a Modena, in via Giorgi, ai danni di un’anziana. Una donna, con una scusa, è riuscita ad entrare in casa di una pensionata e ad arraffare denaro e gioielli.  

L’esca, questa volta, è stato un posto di lavoro, promesso alla figlia, da qualche tempo in cassa integrazione. Poi il cliché si è ripetuto, sempre uguale nella sua gravità. Qualificandosi per un funzionario dell’ispettorato del lavoro, una donna è riuscita a farsi aprire la porta di casa e a derubare dei risparmi un’80enne modenese, residente in via Giorgi in città, una laterale di via Vignolese. La truffatrice, abile nei modi e nel linguaggio, è riuscita a capire dove la signora nascondesse pensione e risparmi e nel giro di qualche minuto ha arraffato il contante, circa 2mila euro. Non appena la pensionata si è accorta dell’inganno, è stata colta da un malore. Indaga la poliziaAccusato di omicidio si nascondeva a Samone  E’ stato arrestato questa mattina, nel modenese, Ilirjan Lele, 35 anni, albanese, ritenuto responsabile dell’omicidio di Ardit Myrtaj, 25 anni, ucciso a coltellate sabato sera davanti a un bar nella periferia di Bologna. Secondo i carabinieri, che già da domenica cercavano il 35enne, all’origine del delitto vecchie ruggini fra i due connazionali, che per un certo periodo hanno diviso la cella del carcere per reati di droga. Lele, tornato libero a fine 2008, pare volesse vendicare un’offesa. Dopo l’omicidio l’albanese si era rifugiato a Samone di Giuglia, in un appartamento di proprietà di parenti. Qui lo hanno arrestato i militari: l’uomo ha confessato, e ha anche raccontato di aver gettato in un cespuglio il coltello usato per uccidere Myrtaj. Simulano incidente e rapinano automobilista In sella a uno scooter hanno simulato un incidente stradale e quando un automobilista si è fermato per prestare soccorso, i due malviventi lo hanno minacciato con un coltello e lo hanno rapinato di automobile e portafoglio. E’ accaduto nel primo pomeriggio a Bomporto. Allo sfortunato automobilista non è rimasto che denunciare il fatto alla polizia.   


Riproduzione riservata © 2017 TRC