in:

Si erano incontrati per sniffare eroina, ma uno dei due, il più giovane, di soli 25 anni, non è sopravvissutro all’overdose. Ricoverato in gravi condizioni all’ospedale l’amico di 49 anni. La tragedia questa sera a Sant’Anna di S.Cesario.

Un 25enne residente a Sant’Anna di San Cesario è morto questa sera, probabilmente per overdose. Salvato appena in tempo l’amico di 45 anni, di Bomporto. La tragedia si è consumata nell’appartamento del più giovane, dove i due amici, entrambi operai, si sono incontrati per sniffare dell’eroina. Non erano conosciuti come tossicodipendenti e forse non ne erano nemmeno consumatori abituali. Ad accorgersi di quello che era accaduto la compagna del 25enne che, rientrata a casa, ha trovato i due amici privi di conoscenza. La donna ha chiesto aiuto ai vicini e immediatamente sono arrivate sul posto le ambulanze del 118 e i carabinieri. I sanitari sono però riusciti a salvare la vita solo al 45enne. Per l’amico non c’era più nulla da fare, l’autopsia farà luce sulle cause esatte della morte. Saranno le indagini a chiarire se la droga fosse stata tagliata male o se, al contrario, fosse troppo pura o, ancora, se sia stato letale il metodo di assunzione: sniffare eroina – dicono gli esperti – aumenta il rischio di overdose. Da capire anche chi avesse acquistato lo stupefacente e da chi. I militari cercheranno di risalire anche al nome dello spacciatore.


Riproduzione riservata © 2018 TRC