in:

I due ragazzi ritrovati morti dentro un auto finita in un canale bolognese sono stati uccisi da colpi di arma da fuoco. La tac ha evidenziato i proiettili. Sembra sempre più certo si tratti dei due cuochi albanesi residenti a Modena.

La procura di Bologna procede per duplice omicidio: i due giovani, i cui corpi trovati martedì in un auto finita in un canale a San Matteo della decima, nel bolognese, sono stati uccisi con colpi di arma da fuoco. A renderlo noto la polizia: la tac sui cadaveri, scoperti dopo una quindicina di giorni dalla morte e quindi in avanzato stato di decomposizione, ha confermato la presenza di tre proiettili nel cranio dei due ragazzi. Confermata quindi l’ipotesi ventilata ieri, dopo che gli inquirenti avevano notato che dalla Fiat Gran Punto mancavano le chiavi. Sembra anche sempre più probabile che si tratti dei due giovani cuochi albanesi, entrambi residenti a Modena, scomparsi da due settimane, Nikolla Ekonomi, 27 anni, e Shkelzen Allkan, 20. La vettura è intestata al padre del più grande, che aveva già fatto denuncia per la scomparsa del figlio. Secondo la polizia si è trattato di un regolamento di conti.


Riproduzione riservata © 2016 TRC