in:

Rapinatore fugge a mani vuote a Carpi, mentre a Mirandola una suora sventa un furto in una chiesa.

Un tunisino di 28 anni la scorsa notte, in via Cavalotti, a Carpi, ha aggredito un connazionale per rubargli il borsello che conteneva 500 euro. La vittima però ha cercato di opporre resistenza e il rapinatore lo ha ferito con un coltello al braccio e a una gamba. Ma il tunisino è dovuto scappare a mani vuote per l’arrivo di alcuni passanti attirati dalle grida. I carabinieri, subito avvertiti, hanno avviato le ricerche dell’aggressore, che è stato rintracciato in una casa disabitata di via Catellani. Ritrovato il coltello e anche alcune dosi di hascisc, il 28enne è finito in manette. Il rapinato è stato medicato in ospedale, per lui la prognosi è di 10 giorni.Suora sventa furto in chiesaE’ stata una suora a sventare un furto nella Chiesa di San Biagio, a Gavello di Mirandola. L’arrivo della religiosa, che voleva raccogliersi in preghiera, ha infatti mandato in fumo il piano di un 32enne di Finale Emilia. L’uomo si era già introdotto nella Chiesa, forzando una porta secondaria ma è stato costretto a una fuga precipitosa prima di impossessarsi di alcuni preziosi oggetti liturgici. Già pregiudicato per reati contro il patrimonio, il 32enne è stato arrestato dai carabinieri di San Martino in Spino.


Riproduzione riservata © 2018 TRC