in:

Una donna di Massa Finalese è morta a seguito di un incendio scoppiato nella sua casa. Aveva respirato molto fumo.

Una donna di 60 anni, Lella Marchesi, è deceduta in ospedale a Mirandola, a seguito dell’incendio scoppiato la scorsa notte a casa sua. E’ accaduto a Massa Finalese, in un casolare di campagna via Salde Entrà. A provocare l’incendio un corto circuito: le fiamme hanno in poco tempo avvolto una stanza al primo piano e quella sovrastante, alla fine completamente distrutte. La donna, che viveva con il marito e un’anziana parente al piano terra, quando ha sentito odore di bruciato è salita per controllare che la figlia e il genero stessero bene, respirando in questo modo molto fumo. All’arrivo del 118 e dei vigili del fuoco di San Felice, Mirandola e Finale, tutte le persone erano già fuori dalla casa. La donna, che era cosciente ma molto scossa e sofferente, è stata portata in ospedale dove però è arrivata già in gravi condizioni. Poco dopo è deceduta. Alcol, patenti ritirateSono 11 le patenti ritirate dai carabinieri, per guida in stato di ebbrezza, dall’inizio di settembre, durante controlli stradali svolti nelle arterie principali di Modena, come via Emilia est e ovest, via Vignolese e le zone vicino a locali notturni. 180 le vetture fermate, 11 gli automobilisti, tutti italiani tra i 20 e i 35 anni, risultati positivi all’alcol test. In un caso è stato ritirato anche il veicolo, in quando il conducente è risultato avere nel sangue un tasso alcolico superiore di 5 volte il limite consentito. Denunciati poi due 40enni, un colombiano e un modenese, che guidavano senza aver mai conseguito la patente. Controlli ai cantieri310 i controlli effettuati in cantieri edili di Modena, durante l’estate, dal nucleo di polizia edilizia della polizia municipale. 14 gli abusi penali rilevati. In due casi sono state riscontrate violazioni in materia di sicurezza sul lavoro, in un altro due lavoratori sono stati trovati senza contratto. Molte le sanzioni per cambi di destinazione d’uso, false attestazioni nel progetto, mancata presentazione di denuncia di opere in corso, ampliamenti abusivi, mancata ottemperanza di ordine del sindaco di messa in sicurezza di edifici. I cantieri si trovavano tra San Faustino, Vaciglio, Cognento, Ganaceto e la Madonnina. Sicurezza, odg in ProvinciaE’ stato votato anche dall’Udc l’ordine del giorno sulla sicurezza presentato dai consiglieri di Pd e Italia dei Valori nell’ultima seduta del consiglio provinciale. Il documento chiede che si rispetti il patto per la sicurezza sottoscritto nel 2007 e rinnova la richiesta di 25 nuovi agenti per la nostra provincia. Hanno votato contro i consiglieri di Pdl e Lega.


Riproduzione riservata © 2016 TRC