in:

Sgominata dalla polizia una banda di ragazzini specializzati in furti. Erano tutti studenti di buona famiglia.

La mattina del 15 settembre scorso il gestore del bar del parco Ferrari si è accorto che durante la notte qualcuno aveva forzato la porta del magazzino e poi aveva rubato varie attrezzature e una bicicletta nuova del valore di 500 euro. La polizia, arrivata per controllare, aveva trovato in zona due valigie di metallo vuote: erano infatti spariti un mixer, un lettore cd, un microfono e un amplificatore. L’attrezzatura hi fi, completa di casse, valore 3, 4mila euro, veniva usata d’estate al parco per le feste serali, noleggiata da Comune di Modena e circoscrizione 4. Proprio sul completo da dj si sono focalizzate le indagini della volante, essendo un mercato ristretto, e sono stati controllati i negozi dove i ladri avrebbero potuto rivendere la merce. E davanti a un esercizio commerciale ieri sono stati fermati un 17enne e un 15enne con parte dell’attrezzatura scomparsa, a casa di un amico 16enne è stata poi ritrovata la bici. I tre, tutti studenti modenesi con famiglie benestanti alle spalle e bravi ragazzi, a detta dei genitori, sono stati denunciati per furto aggravato. Secondo la polizia, che ritiene il gruppo più ampio e su alcuni nomi sta già indagando, parla di esperti: il colpo era stato ben pianificato, compreso dove nascondere la merce e come rivenderla. Non si escludono sviluppi nell’inchiesta. Preso spacciatoreSempre ieri, la polizia, in via dei Servi, a Modena, ha sorpreso, inseguito e arrestato uno spacciatore. Il 26enne tunisino, che in tasca aveva varie dosi di eroina pronte per la vendita, ha cercato di scappare, ma inutilmente, alla vista degli agenti.  


Riproduzione riservata © 2016 TRC