in:

Tempi duri per chi non ha l’aria condizionata, ma attenzione perchè l’impianto di condizionamento può riservare brutte sorprese, come è accaduto nel Palazzo di giustizia di Modena.

Centinaia di faldoni accatastati nei corridoi ma il sistema informatico non ha riportato danni e, alla ripresa dell’attività, non ci sarà alcun rallentamento nei processi. Ieri sera, causa un guasto all’impianto di condizionamento nella sala server al secondo piano del Tribunale, in corso Canalgrande, si è verificato un allagamento con una importante perdita d’acqua che ha riguardato anche i piani sottostanti e la cancelleria. Ad accorgersi del guasto è stato il giudice fallimentare Domenico Pasquariello che, malgrado la giornata festiva, ieri sera si era recato in Tribunale per scrivere una sentenza. I vigili del fuoco sono intervenuti nella prima fase di emergenza per aspirare tutta l’acqua filtrata dal secondo piano fino al piano terra. Questa mattina tecnici informatici al lavoro per ovviare ai danni causati dall’allagamento. Oggi è rimasto chiuso tutto il lato nord del Tribunale e sono stati spostati i server: il sistema informatico è rimasto bloccato durante le operazioni per riattivare i collegamenti.


Riproduzione riservata © 2016 TRC