in:

Salgono a quattro le denunce per il reato di clandestinità: un immigrato è stato fermato dalla volante a Modena, altri due sono stati trovati durante un controllo al quartiere Braida.

Dopo la polizia stradale, anche gli agenti della volante della questura hanno denunciato un immigrato per il reato di clandestinità. La polizia ieri sera era intervenuta in via D’Avia per una lite tra l’uomo e l’ex compagna. E questa mattina due clandestini sono stati trovati dalla polizia municipale di Sassuolo. Arrivati al palazzone di via Adda 77 per controllare lo stato di sette appartamenti assieme all’Asl, gli agenti hanno trovato 10 stranieri, due di loro avevano il permesso di soggiorno scaduto e mai rinnovato. Oltre ad aver quindi chiuso uno degli appartamenti, ritenuto inabitabile, i vigili hanno denunciato i due clandestini in base alla nuova normativa, gli stranieri sono poi stati portati in questura per il decreto di espulsione. “Il pacchetto sicurezza trova piena applicazione – ha commentato il sindaco Luca Caselli – e abbiamo intenzione di utilizzare tutte le nuove norme in materia di ordine pubblico per bonificare la città e i quartieri a rischio”. Ma sulle denunce per clandestinità è intervenuto anche l’avvocato Luca Scaglione, presidente della Camera penale di Modena: “L’introduzione del nuovo reato non serve per ottenere l’espulsione in tempi brevi, che era già prevista, e rischia invece di paralizzare procura, da cui deve essere gestita la notizia di reato, e uffici del giudice di pace, che si dovrà esprimere sui singoli casi”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC