in:

Tre automobili incendiate nel giro di un paio di ore nei pressi del centro storico di Modena. Indagini delle forze dell’ordine per risalire a uno o più piromani.

Piromani scatenati ieri sera a ridosso del centro storico di Modena. In poco più di due ore – dalle 21.30 a mezzanotte – uno o più vandali hanno incendiato un cassonetto dei rifiuti in via Bonaccini, e, in sequenza, tre automobili: in via Morselli, in via Montegrappa e in viale Fabrizi. Qui le fiamme hanno avvolto e distrutto una Peugeot 206 Cabriolet appartenente a una donna modenese che lavora in un locale della zona. Sul posto i vigili del fuoco che hanno evitato che il fuoco si propagasse anche al parco Pertini. Polizia e carabinieri hanno avviato le indagini, in attesa del primo rapporto dal comando dei vigili del fuoco. Questi incendi fanno tornare alla mente il caso di Giuseppe Purpura, il giardiniere arrestato con l’accusa di avere appiccato il fuoco ad alcuni Suv in centro storico e tuttora in carcere in attesa di essere processato, con giudizio immediato, il prossimo ottobre . Tra marzo e aprile aveva seminato il panico in centro storico prendendo di mira costosi fuoristrada, dei dieci incendi gliene sono stati attribuiti tre, più due precedenti alla sede della cooperativa Rinatura da dove era stato licenziato. Nulla a che vedere con i vandali della scorsa notte: la tecnica utilizzata – dicono gli investigatori – è completamente differente.


Riproduzione riservata © 2018 TRC