in:

Sono stati convalidati sia il fermo che la misura di custodia cautelare in carcere per il 20enne tunisino arrestato domenica scorsa dalla squadra Mobile perché ritenuto l’autore dello stupro ai danni di una giovane.

Sono stati convalidati dal tribunale di Modena sia il fermo che la misura di custodia cautelare in carcere per il 20enne tunisino arrestato domenica scorsa dalla squadra Mobile perché ritenuto l’autore dello stupro ai danni di una giovane polacca di 22 anni, nella notte di venerdì scorso. L’uomo avrebbe dichiarato di conoscere in precedenza la vittima e l’avrebbe accusata di essere consenziente, anche se i segni e le lesioni riportate dalla donna non confermano la sua posizione. Con il recente inasprimento delle pene il tunisino rischia dai 6 ai 12 anni di reclusione.


Riproduzione riservata © 2018 TRC