in:

La Provincia di Modena intende costituirsi parte civile contro gli studenti che hanno incendiato un anno fa il liceo Muratori. Chiederà i danni.

«Complimenti alle forze dell’ordine per l’impegno e la tenacia con le quali hanno portato a termine l’indagine; da parte nostra ci costituiremo parte civile e, una volta accertate le responsabilità, percorreremo tutte le strade possibili per ottenere il risarcimento dei danni subiti». E’ questo il commento di Egidio Pagani, assessore alle Infrastrutture della Provincia di Modena, alla notizia dell’identificazione dei presunti responsabili del rogo che nel maggio 2008 ha danneggiato gravemente alcune aule del liceo classico Muratori di Modena. «Si è trattato di un episodio preoccupante – aggiunge Pagani – su cui occorre riflettere da diversi punti di vista, compreso quello educativo e dei valori. E anche per questo siamo convinti che comportamenti simili vadano puniti con fermezza e che tutti i danni siano recuperati a tutela degli interessi della collettività e dell’immagine dell’istituzione scolastica». Per garantire una maggiore sicurezza nei 32 edifici scolastici superiori modenesi di sua competenza, la Provincia ha avviato da tempo un piano che prevede la progressiva installazione di apparati di videosorveglianza con la collaborazione dei dirigenti scolastici, come avvenuto peraltro con il dirigente del Muratori. Nel dettaglio dei danni al Muratori risulta che tra pulizia, rifacimento del pavimento, tinteggiatura di aule e corridoi, oltre al nuovo impianto elettrico e alla ristrutturazione dell’aula handicap, la spesa sostenuta dalla Provincia ammonta a circa 25 mila euro. Il Muratori è coperto da polizza assicurativa contro gli atti di vandalismo, come peraltro tutti gli edifici scolastici superiori gestiti dalla Provincia. Vento, cade alberoI vigili del fuoco di Pavullo, questa mattina alle 5, sono dovuti intervenire a Serramazzoni per rimuovere un albero caduto sulla strada, in largo Olimpico. La pianta non ha provocato danni particolari, ma impediva la circolazione. A sradicare l’albero il forte vento che la scorsa notte ha investito tutto il territorio modenese.Brucia auto per ripicca, presoVoleva regolare i conti con un parente, per presunti torti subiti, dandogli fuoco alla macchina. Così, la notte tra sabato e domenica, è arrivato in via Regina Pacis, a Sassuolo, armato di ascia e di tutto il necessario per provocare un incendio. L’uomo però, un 55enne pregiudicato, è stato intercettato da una volante del commissariato subito dopo aver acceso le fiamme a una Opel Vectra. Il piromane, alla vista della divise, aveva brandito l’ascia per riuscire a fuggire, ma inutilmente. La polizia, con anche l’aiuto di una pattuglia arrivata da Modena, alla fine è riuscita a fermare e arrestare l’uomo. Arrestati spacciatoriAvevano nascosto 45 grammi di eroina in un’aiuola condominiale di via Susano in città, ma quando hanno cercato di recuperare lo stupefacente si sono trovati di fronte la polizia. Sono così finiti in carcere tre magrebini, tra i 30 e i 40 anni. L’arresto, avvenuto ieri mattina, è stato reso possibile anche grazie alle segnalazioni dei residenti.


Riproduzione riservata © 2018 TRC