in:

“Aiuti il suo collega che si sente male”. Hanno trattato con i guanti i dipendenti della banca che ieri avevano assaltato, ma non è bastato ad evitare le manette. Presi dai carabinieri in flagrante un napoletano e un palermitano, professionisti della rapina.

“Aiuti il suo collega che si sente male”. Hanno trattato con i guanti i dipendenti della banca che ieri avevano assaltato, ma non è bastato ad evitare le manette. Presi dai carabinieri in flagrante un napoletano e un palermitano, professionisti della rapina…Non erano armati e non hanno nemmeno finto di esserlo: sono entrati ieri alle 16 al Credem di via Aosta a Sassuolo, uno dei due ha saltato il bancone e ha detto agli impiegati: “Datemi i soldi della cassa”, che in tutto erano circa mille euro. I due poi si sono messi in attesa dell’apertura della cassaforte, prevista dopo pochi minuti. Ma la fortuna ieri non arrideva ai due professionisti della rapina: uno degli impiegati, quando sono entrati, stava parlando con la direttrice della filiale in quel momento fuori dalla banca. E capito cosa accadeva il dipendente lo ha detto al superiore prima di chiudere la conversazione. Elena Menozzi allora ha subito chiamato l’ufficio di vigilanza Credem, che attivando il controllo delle telecamere ha capito che qualcosa non andava e ha passato la segnalazione al 112. Dopo nemmeno cinque minuti sul posto c’era un’auto dei carabinieri e personale in borghese. Intanto, dentro alla banca, uno degli impiegati ha accusato un malore da ansia, e uno dei rapinatori se n’è accorto. A uno dei bancari ha allora chiesto gentilmente di aiutare il collega. Un attimo dopo, però, nella filiale sono entrati due uomini, i rapinatori credendoli clienti hanno cercato di farli allontanare, ma quando hanno sentito la parola carabinieri si sono arresi senza opporre resistenza. In manette sono finiti Salvatore Montagna, 40 anni, di Palermo, e Mario Sanges, napoletano 47enne. Sono entrambi pregiudicati, pendolari del crimine e veri professionisti, vista la calma e l’assenza di armi. I militari sospettano anche che in zona avessero un basista.


Riproduzione riservata © 2016 TRC