in:

Infortunio a Massa Finalese, all’ex zuccherificio. Feriti due operai, caduti da un’altezza di 20 metri. E a Maranello fermati due immigrati che vessavano anziani.

Infortunio sul lavoro questa mattina, alle 10.30 circa, all’ex Zuccherificio di Massa Finalese, dove sono in corso i lavori per lo smantellamento della struttura. Due operai, che stavano sistemando le barriere di sicurezza per la rimozione del tetto, sono caduti da 20 metri d’altezza: sono stati portati dall’eliambulanza del 118 al pronto soccorso di Baggiovara per fratture multiple. I due rumeni di 32 e 33 anni, dipendenti di una ditta rumena con sede a Modena, si trovavano nel cestello di una piattaforma area: per cause ancora da chiarire un puntone ha ceduto e il cestello è caduto a terra, rovesciandosi. Gli operai, probabilmente legati, sono stati liberati dai vigili del fuoco di San Felice. Sul posto anche carabinieri e medicina del lavoro. I due operai non dovrebbero essere in pericolo di vita. Maranello, fermati mendicanti aggressiviChiedevano denaro agli anziani che arrivavano al mercato di Maranello. Lo facevano con insistenza, e se alla fine la risposta era sempre no, cominciavano con le minacce. Se poi i soldi non arrivavano, i malcapitati pensionati al rientro trovano l’auto segnata o la bici sparita. Ma le vittime non si sono comunque fatte intimorire e si sono rivolte alla polizia municipale, descrivendo con dovizia di particolari i due immigrati e i loro movimenti. Gli agenti, oggi, durante il mercato, hanno svolto controlli serrati e discreti, riuscendo a fermare due nigeriani di 30 e 33 anni che corrispondevano alle descrizioni. Sono entrambi clandestini e noti alle forze dell’ordine, in particolare uno dei due è accusato anche di molestie sessuali ai danni di una minorenne. Intossicati di Vignola, precisazione Non è dipeso dalle lavorazioni nel vicino cantiere per il restauro delle mura storiche Fossa Gazzotti di Vignola, il malessere avvertito ieri mattina da quattro dipendenti dell’Unione terre di Castelli, che si trovavano nell’ufficio di via Soli. L’ipotesi al vaglio dei vigili del fuoco è un possibile rimescolamento nelle fogne causato dalla pioggia, che potrebbe aver provocato l’odore fastidioso, per questo verrà svolta una verifica non appena si verificheranno le identiche condizioni atmosferiche. Lo stesso responsabile del cantiere ha precisato che nella lavorazione alle mura non vengono usati acidi o sostante irritanti. Si attendono anche i risultati delle rilevazioni di Arpa e Asl.


Riproduzione riservata © 2016 TRC