in:

Dopo l’incendio alla Gualandri di Sassuolo, ieri sera è stato appiccato il fuoco alla Gualandri di Fiorano, i due titolari sono cugini.

Questa volta la differenza potrebbe farla il filmato registrato dalle telecamere del sistema di videosorveglianza che hanno documentato il momento esatto in cui è stato appiccato il fuoco: si vede un uomo arrivare a bordo di un’auto scura, entrare nel cortile e, dopo pochi istanti, allontanarsi in tutta fretta. Contemporaneamente si sente un piccolo scoppio e le fiamme cominciano ad alzarsi. Materiale che è già in mano ai carabinieri e che, forse, servirà a fare luce su questa serie di incendi. Dopo il rogo, devastante, scoppiato nella notte tra domenica e lunedì, alla Gualandri di Sassuolo, ieri alle 23 un analogo incendio alla ditta di Eudes Gualandri di Fiorano, anche lui un autotrasportatore, fino a qualche anno fa in rapporti d’affari col cugino. In via Ghiarola Vecchia sono bruciati 70 bancali di materiale ceramico e colle. Le fiamme hanno avvolto anche un autocarro di proprietà dell’azienda. I danni ammontano a circa 100mila euro. Anche il titolare della ditta di Fiorano esclude di avere ricevuto minacce o avvertimenti, anche se la coincidenza solleva più di un sospetto. Nessuno però vuole sentir parlare di malavita organizzata. “E’ un momento difficile per noi autotrasportatori – ha commentato un autotrasportatore che vuole restare anonimo – c’è la crisi, molte ditte si comportano in modo non corretto e forse c’è chi vuole eliminare qualche concorrente dal mercato”. L’incendio di via Ghiarola Vecchia è rimasto tutto sommato contenuto perchè una pattuglia dei carabinieri era già in zona e ha potuto dare tempestivamente l’allarme. Sul posto due squadre dei vigili del fuoco da Sassuolo e da Modena che hanno lavorato fino alle 3 e mezzo della notte. Un altro incendio a Sassuolo E sempre nella notte, a Sassuolo, è stato appiccato il fuoco alla tettoia del circolo Falcone e Borsellino, all’interno del parco Albero d’Oro di via Refice. La copertura, adiacente ai campetti da calcio, è andata distrutta. Indaga la polizia. Nessuno parla apertamente di dolo, ma è abbastanza improbabile che l’incendio sia di natura accidentale. Intervengono i due candidati a sindaco E sugli incendi di Sassuolo e Fiorano intervengono i due candidati a sindaco Graziano Pattuzzi e Luca Caselli: l’attuale primo cittadino chiede al prefetto controlli notturni più capillari. Il candidato del Pdl parla di ‘episodi gravi che non appartengono alla cultura e alla civiltà della nostra comunità cittadina”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC