in:

248 persone di nazionalità filippina sono state denunciate dalla polizia stredale di Modena per un giro di patenti false.

Ci sono voluti due anni di indagini ma alla fine la polizia stradale di Modena è riuscita ad individuare un giro di patenti false che ha coinvolto almeno 248 cittadini di nazionalità filippina, alcuni non residenti nel modenese. Tra l’Italia e le Filippine esiste un rapporto di reciprocità che permette ad una persona munita di patente straniera di ottenere dalla motorizzazione il corrispettivo documento italiano senza sostenere esami di teoria e guida. Secondo quanto emerso dalle indagini un 42enne filippino, soprannominato Rommy, impiegato come portiere presso un condominio del centro cittadino, faceva da tramite con i suoi connazionali per la presentazione delle pratiche alla Motorizzazione Civile, servendosi soprattutto di due agenzie del settore, risultate poi estranee ai fatti. Da accertamenti effettuati con il consolato filippino di Milano, si è appurato che i documenti erano falsi. Nell’abitazione di Rommy sono stati sequestrati certificati consolari contraffatti, patenti filippine false, computer e stampanti utilizzate per la produzione della documentazione. Altri documenti non originali tra cui patenti e fogli in bianco con riprodotto lo stemma del consolato filippino giungevano via aereo direttamente dalle Filippine. I cittadini filippini in possesso delle patenti false sono stati tutti denunciati e i documenti di guida sequestrati. In alcuni casi gli immigrati coinvolti non erano nemmeno in grado di guidare un veicolo.


Riproduzione riservata © 2016 TRC