in:

Una famiglia nordafricana: padre, madre e due figli minorenni, è rimasta intossicata dalle esalazioni di monossido di carbonio sprigionate da un braciere a legna utilizzato per riscaldare la casa.

È successo questa mattina, poco prima delle 5, in via Vandelli a Torre Maina. Soccorsa da vigili del fuoco e 118, la famiglia è stata trasportata all’ospedale di Sassuolo. Qui i sanitari hanno trattenuto a scopo precauzionale la moglie e uno dei due minori, mentre per l’uomo e l’altro figlio, una bambina, si è reso necessario il trasferimento a Fidenza per trattamento in camera iperbarica. Non sono in pericolo di vita.La casa occupata dai magrebini era sprovvista di riscaldamento. L’azienda del gas aveva cessato la fornitura un mese fa per il mancato pagamento della bolletta.


Riproduzione riservata © 2016 TRC