in:

Un prostituta di 21 anni rumena è stata violentata a Castelfranco Emilia. In manette, ieri sera, l’aggressore, un 26enne di origine francese.

E’ stato arrestato ieri dai carabinieri di Castelfranco, un 26enne di origine francese, residente a Baiso di Reggio Emilia. La notte dello scorso 16 ottobre aveva violentato una giovane prostituta rumena. La ragazza, di 21 anni, si trovava sulla strada all’angolo tra via Emilia Est e via Noce, sempre a Castelfranco, quando l’uomp, a bordo di una Peugeot 207, l’ha invitata a salire. Una volta appartati, al rifiuto di un rapporto non protetto, lui ha iniziato a colpire violentemente la ragazza con calci e pugni, dicendole anche di essere malato di Hiv. La giovane, sconvolta ed impaurita, ha iniziato ad urlare, ma, solo dopo la violenza, è riuscita a fuggire. La rumena ha avuto però la prontezza di prendere il numero di targa dell’auto e ha chiamato i carabinieri. Poco dopo, la donna, residente ad Anzola, è stata soccorsa dai militari, intervenuti insieme agli operatori del 118, che l’hanno portata al Policlinico di Modena. Giudicata guaribile in 20 giorni, ha poi denunciato l’accaduto, fornendo dettagli fisici dell’aggressore, di corporatura possente e con un grande tatuaggio tribale su un braccio. Dopo diverse ricerche ed indagini, i carabinieri sono risaliti alla proprietaria del veicolo, una donna francese di mezza età, risultata essere la madre del violentatore. Ieri, in serata, l’arresto. Il 26enne si è mostrato sorpreso all’arrivo delle forze dell’ordine, ma si trova ora nel carcere di Reggio Emilia. Spesso episodi di questo tipo non vengono denunciati o rimangono impuniti per l’impossibilità di riconoscere gli autori.


Riproduzione riservata © 2016 TRC