in:

Da un momento all’altro il Gip deciderà sull’arresto del tunisino accusato di avere violentato una connazionale di 14 anni. Per la giovane vittima è iniziato un percorso di sostegno.

Il giudice per le indagini preliminari deciderà in queste ore se convalidare l’arresto del tunisino di 27 anni accusato di avere violentato una connazionale di appena 14 anni, scappata di casa perchè i genitori erano troppo severi e finita nelle mani di un clandestino senza scrupoli, che ha abusato di lei in un casolare abbandonato vicino alla Chiesa di Saliceta San Giuliano. E mentre continuano le indagini dei carabinieri, per la giovane vittima è iniziato un lungo percorso di sostegno che la aiuterà a riprendere in mano la sua vita, a ritornare a scuola e in famiglia. Non entra nei particolari del caso l’assessore comunale Francesca Maletti, con delega ai servizi sociali: la delicatezza del caso e l’età della ragazzina impongono la massima riservatezza, ma ammette che sarà un cammino lungo. “Siamo di fronte a una ragazza minorenne che ha una famiglia, forse un po’ troppo rigida su certi precetti, ma di sicuro una famiglia presente che ha denunciato subito la scomparsa – ci spiega – per questo, al di là della fase di emergenza, in cui è necessaria una tutela sanitaria e psicologica della giovanissima, nel prossimo futuro dovremo pensare a un percorso comune in cui coinvolgere anche la famiglia di origine. La 14enne è stata per ora affidata a una comunità di accoglienza, la situazione famigliare non consigliava un suo ritorno in famiglia. “Abbiamo convenzioni con associazioni specializzate a seguire donne e minori, persone che hanno subito anche gravi ferite fisiche e psicologiche – continua l’assessore Maletti, parlando di quello che la città mette in campo. A Modena c’è una rete che funziona e che coinvolge il pubblico e il privato e che riesce a intercettare, a volte fin dall’inizio, situazioni di disagio e di violenza: la scuola, il pronto soccorso degli ospedali. Da anni, conclude la Maletti, cerchiamo di lavorare insieme per fare in modo che le segnalazioni siano immediate.


Riproduzione riservata © 2016 TRC