in:

Ancora truffe agli anziani: due colpi stamattina a Modena, vittime ultraottantenni. E potrebbero essere gli stessi autori dei raggiri della settimana scorsa.

Agiscono con la massima calma, prendendosi tutto il tempo necessario, e attuando una messinscena ben collaudata. E colpiscono sempre e solo gli anziani che vivono soli, soggetti deboli che spesso non riescono a capire se le richieste che vengono loro fatte, da presunti addetti pubblici o rappresentati delle forze dell’ordine, siano legittime. I truffatori una volta in azione parlano tanto, si interessano della vita delle loro vittime, carpendo la fiducia di chi stanno per colpire. E’ accaduto anche questa mattina, nel giro di un’ora. Prima in via Tiraboschi, poi in via Giardini, due uomini sono arrivati a casa di pensionati, uno si è spacciato per un addetto Hera, convincendo l’anziano a uscire da casa con la scusa dei contatori. Intanto in casa entrava il complice, con vestito scuro e cappello con visiera, che si fingeva vigile di quartiere, accorso per aver saputo che nell’appartamento era stato consumato un furto. Tra chiacchiere e controlli, nel primo caso i due sono riusciti a portar via vari monili in oro, nel secondo oltre ai gioielli anche 1.500 euro in contanti. I due truffatori hanno accento del nord Italia, vestono bene, sono gentili, e forse sono gli stessi che hanno attuato due colpi solo giovedì scorso. La polizia indaga, e sta anche vagliando i filmati delle telecamere della zona.


Riproduzione riservata © 2016 TRC