in:

Arrestati dai carabinieri tre pregiudicati che la scorsa notte erano entrati in un ufficio postale. Una telefonata al 112 ha permesso ai militari di arrivare quando i tre erano ancora intenti a svuotare le casse.

E’ stato un passante a notare i movimenti dei tre, e ha subito chiamato il 112. L’uomo al telefono ha raccontato di uomini che cercavano di entrare in un ufficio postale di Prignano, in particolare quello della frazione Pigneto, in via Sassuolo. E siccome era l’una di notte, certo non si trattava di impiegati. I carabinieri sono arrivati sul posto nel giro di pochi minuti, e hanno visto la serranda dell’esercizio forzata e in parte alzata. I militari sono così entrati e hanno trovato i tre che rovistavano fra le casse del bancone, le uniche che si potevano aprire, racimolando i pochi contanti. In manette sono finiti Antonio Citro, 25 anni, originario del salernitano, Giuseppe Ferrandina, 49 anni, nato in provincia di Matera, e Antonio Vizzino, leccese, 53 anni. I tre hanno tutti vari precedenti alle spalle, sono senza un lavoro regolare e vivono a Reggio Emilia da tempo. Alla vista delle divise uno dei tre, Cutro, ha cercato di scappare a piedi verso la campagna, ma è stato subito raggiunto. Gli aspiranti ladri sono stati poi portati in caserma a Sassuolo, in attesa del processo per direttissima.


Riproduzione riservata © 2016 TRC