in:

Un marocchino di 31 anni la notte tra sabato e domenica ha costretto una giovane a seguirlo nel suo appartamento a Maranello: l’ha minacciata di morte con un coltello e l’ha stuprata. L’uomo è stato arrestato ieri dai carabinieri.

Una marocchina 23 anni, che vive con la famiglia in provincia di Reggio Emilia, sabato sera era arrivata a Modena con delle amiche per passare qualche ora in un locale. Qui ha conosciuto un connazionale di 31 anni, gentile, che le ha offerto da bere e poi l’ha convinta a spostarsi insieme in un pub nelle vicinanze. Ma una volta che i due salgono sull’auto di lei, l’atteggiamento del corteggiatore cambia sensibilmente. La ragazza si spaventa, inventa una scusa per tornare dalle amiche, ma il 31enne prende dalla tasca un temperino, la minaccia e la costringe a guidare fino a Maranello, località Bellitalia. Quando arrivano sono le 4 del mattino, scesa dalla vettura la 23enne grida, lui le punta il coltello alla gola, la costringe a entrare in casa e qui le offre della cocaina. Lei rifiuta, cerca di allontanarsi, e allora lui la insulta, la picchia, la spoglia e la violenta. Sono le 5 del mattino quando la ragazza riesce ad uscire dall’appartamento della palazzina di via Grizzaga 123, le ultime parole che lui le urla contro sono: “se lo racconti a qualcuno ti uccido”. Ma lei, anche se sconvolta, è corsa subito dai carabinieri. Ai militari ha raccontato tutto quello che ricordava, un nome molto comune in Marocco, una descrizione sommaria dell’aggressore, la località letta sul cartello stradale. Poi è andata in ospedale a Sassuolo per essere medicata. I carabinieri, anche con pochi elementi, sono riusciti in poco tempo a mostrare alla ragazza una foto, lei riconosce il suo aguzzino e scatta la caccia all’uomo. L’uomo è stato cercato prima a casa, poi in tutti i luoghi che frequentava abitualmente: è stato rintracciato alle 11.30 di ieri a La Veggia di Casalgrande, nel reggiano, e qui è stato ammanettato. Il 31enne, senza lavoro ma con regolare permesso di soggiorno, stava tranquillamente passeggiando per strada.


Riproduzione riservata © 2016 TRC