in:

Assolto perchè incapace di intendere e volere. Aristide Barbieri uccise la madre un anno fa, per lui ora l’ospedale psichiatrico giudiziario.

E’ stato assolto Aristide Barbieri, 31 anni, perché incapace di intendere e di volere al momento dei fatti, cioè un anno fa, quando uccise la madre Annamaria Torricelli, 63 anni, a colpi di badile, nella casa dove vivevano a Magazzeno di Savignano. Il ragazzo era stato arrestato subito ed era in stato di choc. Le due perizie psichiatriche non hanno lasciato dubbi: il giovane non sapeva quello che faceva. Anche questa mattina, davanti al giudice per l’udienza preliminare, Barbieri in lacrime ha detto che era la persona che amava di più e che ricorda solo frammenti di quella sera. Ora sta meglio e i medici parlano di percorso di recupero. Ora per il 31enne si aprono le porte dell’ospedale psichiatrico giudiziario, dove dovrebbe rimanere per 10 anni, ma l’avvocato che lo ha rappresentato, Mario Marchiò, si augura che venga affidato presto a un percorso alternativo che completi la guarigione.


Riproduzione riservata © 2016 TRC