in:

Un decina di prostitute portate al CPT e una arrestata per inottemperanza della Bossi-Fini. Questo il bilancio di una notte di controlli tra Modena e Castelfranco portati avanti da polizia e carabinieri.

Operazione congiunta di polizia e carabinieri contro la prostituzione la scorsa notte tra Castelfranco e Modena. A seguito di continue lamentele da parte di cittadini, infatti, i militari della compagnia di Modena hanno effettuato un vero e proprio blitz sulla via Emilia in località Cavazzona. 11 prostitute sono state fermate ed identificate; mentre 5 di loro, una nigeriana, una ghanese e tre ragazze provenienti dall’est Europa di età compresa tra i 22 e i 30 anni, sono state portate in Questura per ulteriori accertamenti. La ghanese era già stata colpita da decreto di espulsione, per questo è stata arrestata per inosservanza della legge “Bossi-Fini” e processata oggi per direttissima. Altre tre prostitute sono state portate al CPT in attesa delle procedure di rimpatrio. A Modena, intanto, la polizia ha concentrato l’azione nella zona tra via Piave e Viale Autodromo e alla Bruciata. Anche in città sono state fermate alcune prostitute e undici di loro, provenienti da Nigeria, Albania e Romania, sono state accompagnate in Questura . Una decina in tutto le donne portate al Centro di Permanenza Temporanea.


Riproduzione riservata © 2016 TRC