in:

Misterioso furto alla cancelleria penale di corso Canalgrande a Modena. I ladri hanno messo tutto a soqquadro. Rovistati gli archivi dei fascicoli e gli uffici dei giudici.

Non è ancora chiaro quale fosse l’obiettivo, di sicuro non quelle di rubare le monetine delle macchinette distributrici di snack e bevande. I ladri che, nella notte, hanno messo letteralmente a soqquadro la cancelleria penale del Tribunale di Modena, la sede di Palazzo Delfini, sempre in corso Canalgrande, hanno voluto creare molta confusione. E’ ancora presto però per dire a quale scopo. Lo spettacolo che è apparso davanti all’impiegata che questa mattina ha aperto gli uffici era desolante: cassetti svuotati, fascicoli all’aria, toghe buttate a terra. Impossibile fino a inventario completato capire se siano spariti documenti importanti. I ladri probabilmente si sono fatti chiudere dentro a Palazzo Delfini ieri sera, poi durante la notte hanno avuto tutto il tempo di mettere a segno il loro piano. Non ci sono segni di effrazione sulla porta principale, unico ingresso per il palazzo. I vandali hanno rovistato anche l’ufficio del presidente della sezione penale De Santis e degli altri giudici. Sventrate anche le macchinette che erogano le bevande che comunque contenevano poco denaro. Sul caso indaga la polizia.


Riproduzione riservata © 2016 TRC