in:

Quattro persone, due marocchini e due rumene, sono finite in manette per detenzione e spaccio di eroina. Quasi quattro chili di droga sono stati trovati dalla mobile in un appartamento di San Damaso.

E’ scattato ieri nel pomeriggio e si è concluso a notte fonda un blitz della squadra mobile della Questura di Modena, che ha portato all’arresto di quattro persone per detenzione e spaccio di droga. 3, 9 i chilogrammi di eroina purissima proveniente da Albania, Kosovo e Afghanistan, trovati in un appartamento di San Damaso, strategicamente situato vicino all’uscita autostradale di Modena Sud. L’azione rientra in una serie di servizi di repressione che, negli ultimi due mesi, hanno portato ad intercettare in città quasi 14 chilogrammi di sostanza stupefacente destinati al mercato modenese e non solo. Le quattro persone arrestate non si trovavano nella loro base di San Damaso al momento dell’arrivo degli agenti, ma nei rispettivi appartamenti nel condominio Lamda in via Emilia Ovest 336, dove era stato nascosto anche un clandestino fuggito pochi giorni fa dal Cpt. La droga veniva prima divisa e poi smistata nel noto condominio, punto di riferimento per la media distribuzione. In manette sono finiti due marocchini clandestini e due giovani donne rumene: Mohammed Fathi di 23 anni con precedenti per spaccio, Hilim Bokirwan, 27enne marocchino e clandestino e Carmen Mihaela Costache e Mihaela Apostol, entrambe 25enni rumene. Gli agenti hanno trovato i quattro in possesso di denaro, telefonini e 200 grammi di droga in sassi pronti alla vendita, il resto dell’eroina era, invece, nella casa di San Damaso: 7 panetti da 530 grammi l’uno. 200mila euro il valore complessivo sul mercato della droga una volta tagliata.


Riproduzione riservata © 2016 TRC