in:

Rubava computer nella ditta in cui lavorava, e assieme a un parente e a un amico li rivendeva su e-bay. Denunciati tre carpigiani che avevano fatto sparire merce per 15mila euro.

Computer, monitor e tastiere sparivano costantemente dal magazzino di una ditta di Correggio, senza che ci fossero mai segni di scasso su porte e finestre. E poi gli ammanchi erano dilazionati nel tempo, uno ogni tanto. Ma quando, durante un inventario, i titolari si sono accorti che mancavano all’appello 34 monitor, 22 computer e altrettante tastiere, valore complessivo 15mila euro, si sono subito rivolti ai carabinieri. I militari non hanno impiegato molto a scoprire che le apparecchiature elettroniche venivano rivendute su e-bay, famoso sito internet di compra vendita, a prezzi decisamente vantaggiosi. I carabinieri hanno così bussato a casa di un carpigiano di 34 anni, la persona che metteva in vendita la merce sul web, che alla vista delle divise ha confessato tutto. Così, si è arrivati al ladro, un altro carpigiano di 45 anni, impiegato nella ditta dove avvenivano le misteriose sparizioni. Denunciato anche un parente del dipendente infedele, sempre residente nella città dei Pio, di 35 anni, il tramite con l’esperto informatico che in internet piazzava la merce. I carabinieri ora stanno cercando di risalire a chi ha acquistato le apparecchiature.


Riproduzione riservata © 2016 TRC