in:

Saranno decisive le prossime ore per poter sciogliere la prognosi del Sindaco di San Felice, Mario Meschieri, rimasto coinvolto ieri in un incidente aereo. Con lui l’assessore Simone Silvestri, che dovrà essere operato.

E’ ancora in coma farmacologico Mario Meschieri, 53 anni, Sindaco di San felice, rimasto coinvolto ieri in un incidente mentre era alla guida del suo ultraleggero, a Castiglione del Lago. Nella caduta del velivolo, il primo cittadino, noto anche per la sua attività di pediatra, ha riportato fratture multiple alle braccia e alle gambe, e lesioni ad un polmone. Le sue condizioni, pur gravi, fanno ben sperare i medici, che auspicano di poter sciogliere la prognosi al termine delle 48 ore di rito. E’ stato più fortunato il compagno di volo e collega di giunta 37enne Simone Silvestri, assessore ai lavori pubblici di San Felice. Nella caduta, Silvestri si è rotto una gamba, dovrà essere operato nei prossimi giorni. I due sono entrambi ricoverati all’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Erano sul lago Trasimeno per partecipare al Meeting di primavera, un raduno che si tiene annualmente nel perugino. L’aereo su cui si trovavano, di proprietà di entrambi, era in fase di atterraggio all’ex aeroporto militare Eleuteri, alle 11 circa, quando una folata di vento fortissima l’ha travolto, buttandolo a terra. I due sono stati subito soccorsi, erano entrambi coscienti, ma Meschieri è apparso subito grave. Il primo cittadino è un pilota esperto, dicono i membri dell’”Arte Volo”, che riunisce gli appassionati di San Felice, ha il brevetto da oltre 10 anni. Nessuno si aspettava che un incidente del genere potesse accadere proprio a lui. Tra la notte e la mattinata amici e colleghi di giunta sono corsi a Perugia, per avere notizie più precise sul Sindaco e su Silvestri. Tutto il paese è sconvolto per l’accaduto.


Riproduzione riservata © 2016 TRC