in:

Ancora un incendio doloso ai danni di un’azienda modenese. Colpita, questa volta, la Bertelli carburanti di Spilamberto, dove, la scorsa notte, sono state date alle fiamme due autocisterne.

I danni, pur ingenti, sono stati fortunatamente circoscritti, grazie al sistema antincendio e all’impegno dei vigili del fuoco. I pompieri sono accorsi infatti con 5 squadre per evitare il deposito di carburanti si surriscaldasse e si scatenasse un vero e proprio disastro. E’ accaduto tutto ieri sera, intorno alle 22, presso il deposito Bertelli, di via Vignolese a Spilamberto. Due camion autocisterna per il trasporto di benzina, vuoti, sono stati dati alle fiamme. E’ scattato il sistema antincendio, che ha estinto i due focolai. Nella zona ha iniziato a propagarsi un fumo denso e acre, dal caratteristico odore di plastica. Alcuni passanti si sono accorti del pericolo e hanno avvisato i vigili del fuoco, accorsi assieme ai titolari. I pompieri hanno lavorato per oltre un’ora, cospargendo d’acqua il tetto dell’edificio in cui erano parcheggiati i camion: un’operazione volta ad evitare che i carburanti stoccati a poca distanza, benzina e gasolio, raggiungessero temperature pericolose. Sul posto per i rilievi anche i carabinieri, che questa mattina hanno appurato la natura dolosa del rogo: i serbatoi dei due mezzi distrutti erano infatti forati. I militari della compagnia di Spilamberto oggi hanno parlato a lungo con i titolari, che, da parte loro, si si dicono assolutamente sgomenti. “Non abbiamo mai ricevuto minacce o avuto precedenti preoccupanti” , sottolinea Andrea Bertelli, che parla di danni sopra i 150mila euro. Numerosi gli incendi dolosi ai danni di aziende modenesi, dall’inizio dell’anno. Bersagliati, in particolare, i mezzi da lavoro. Gli ultimi episodi, a Lesignana ed Albareto, risalgono a meno di due settimane fa. Altro caso eclatante quello di Campogalliano, alla Dogana dove, lo scorso gennaio, tre tir vennero cosparsi di liquido infiammabile mentre gli stessi autisti dormivano all’interno.


Riproduzione riservata © 2016 TRC