in:

Nonostante la polemica sul presidente Ucoii, la giornata di Moschee aperte si è svolta questa mattina. Le scuse della comunità islamica.

Che lo si chiami equivoco, malinteso oppure grave leggerezza, poco importa. Fatto sta che l’invito, poi frettolosamente disdetto, di Nour Dachan, controverso presidente dell’Ucoii in odore di fondamentalismo, alla giornata modenese dedicate alle Moschee aperte, ha finito col guastare un po’ l’armonia della festa. Distogliendo l’attenzione da temi importanti e condivisibili, quali l’amicizia, il dialogo interculturale, la ricerca di una integrazione vera e non solo di facciata. Riconosciuto l’errore, la comunità islamica modenese, per voce del vice presidente Luca Marri, ha espresso il proprio rincrescimento, di fronte al Vescovo, al Sindaco, e alle altre autorità che questa mattina hanno partecipato all’incontro presso la Moschea del Misericordioso. Assente il presidente Ucoii, ha invece preso parte alla giornata Rosario Pasquini, milanese, convertito alla religione di Maometto, noto per certe sue affermazion discutibili sui non musulmani. Pasquini ha tenuto una conferenza sui precetti dell’Islam a una ottantina di ragazzi dell’Iti Fermi. "L’iniziativa è stata sollecitata dalle nostre insegnanti di religione – ha spiegato il preside Maurizio Boni – e mi è sembrato giusto permettere ai nostri studenti di partecipare".


Riproduzione riservata © 2016 TRC